Pandoro e Panettone? Le dritte del nutrizionista

Dicembre è il mese più “calorico” dell’anno, ricco di festeggiamenti e di proposte culinarie golose. Sappiamo tutti che i dolci fanno ingrassare, ma anche che è difficile non farsi tentare, dopotutto che Natale sarebbe senza panettone e pandoro?

Non c’è bisogno di farne a meno, come al solito, l’importante è non esagerare. Quali regole è bene seguire per consumarli con un occhio di riguardo per la salute e la linea? 

Visto che alle tradizionali abbuffate delle Feste manca ormai pochissimo, è questo il momento giusto per fare un po’ di chiarezza. Ecco quello che c’è da sapere sulla scelta e il consumo attento di panettone e pandoro.


Come scegliere un buon pandoro e panettone?

È facile perdersi tra gli scaffali pieni di panettoni e pandori di ogni specie e varietà. Le 4 regole da seguire per scegliere un buon pandoro e panettone sono:

1) Fare attenzione ai prodotti con NOMI INGANNEVOLI
I termini “pandoro” e “panettone” per essere utilizzati devono riferirsi a prodotti che necessariamente rispettano le caratteristiche, il processo produttivo e le percentuali minime degli ingredienti dettate dal decreto del 22 luglio 2005 del Ministero delle attività produttive:

Gli ingredienti base del PANDORO sono: farina di frumento, zucchero, uova di gallina di categoria A quindi uova fresche e/o tuorlo (in quantità tale da garantire non meno del 4% in tuorlo), burro in quantità non inferiore al 20%, lievito naturale costituito da pasta acida, aroma di vaniglia o vanillina e sale.

Gli ingredienti base del PANETTONE sono: farina di frumento, zucchero, uova di gallina di categoria A quindi uova fresche e/o tuorlo (in quantità tale da garantire non meno del 4% in tuorlo), burro in quantità non inferiore al 16%, uvetta e scorze di agrumi canditi, in quantità non inferiore al 20%, lievito naturale costituito da pasta acida (cioè da un pezzetto di impasto già lievitato) e sale.

2) LEGGERE L’ETICHETTA, tenendo sempre presente che:
– Quanto più è lunga la lista degli ingredienti più il prodotto è scadente (un occhio di riguardo soprattutto per gli additivi e conservanti).

– Talvolta alcuni ingredienti vengono sostituiti da alternative o materie prime di scarsa qualità. Per esempio il burro viene sostituito con l’olio extravergine d’oliva (e dunque il nome cambia in “prodotto dolciario da forno”) oppure con la margarina.

3) Scegliere ricette tradizionali o ancora meglio ARTIGIANALI
Così da essere certi della qualità delle materie prime utilizzate.

4) Non considerare il PREZZO come indice di qualità
Spesso può trarre in inganno, in quanto molto soggetto alle strategie di marketing. Esso varia in base a tanti fattori, come l’aggiunta o meno di lievito di birra, la qualità delle materie prime utilizzate e le loro quantità.

 

Fa ingrassare più il pandoro o il panettone?

Una volta scelto un buon panettone e un buon pandoro, il nostro palato ringrazierà… ma la nostra salute?

Entrambi i prodotti sono ad alta densità energetica, con un alto contenuto di colesterolo e grassi saturi. Certo, il pandoro risulta più calorico in quanto presenta tra gli ingredienti un maggiore quantitativo di burro, che lo rende così soffice. Allo stesso tempo però il panettone è invece più zuccherino per la presenza di uvetta e canditi.

La scelta fra i due dolci ricade dunque solo sul nostro gusto personale, importanti sono invece le quantità e modalità in cui si mangiano. Alcuni suggerimenti sono:

  • Evitare di comprare panettoni o pandori farciti, meglio piuttosto abbinare una fetta di pandoro o di panettone alla crema preparata in casa;
  • Concedersi panettone e pandoro solo nelle occasioni di festa, possibilmente limitandosi a una porzione;
  • Dopo le Feste, invece, è bene cercare di consumarli a colazione o per uno spuntino, evitando di mangiarli come dessert di fine pasto;
  • Infine, una strategia utile per chi è a dieta può essere quella di limitare il consumo di altri alimenti a tavola (soprattutto pane, pasta e patate) che apportano già molti zuccheri.

Queste indicazioni valgono naturalmente per persone che non presentano patologie, quali diabete o colesterolo alto: in tal caso il consiglio è sempre quello di chiedere un parere al proprio medico.

Buone feste a tutti voi!

Inserisci un commento