Le proprietà delle tisane e i benefici sull’organismo

Le tisane sono dei preparati che sfruttano la capacità dell’acqua calda di estrarre sostanze medicamentose da fonti vegetali.

Oltre a rappresentare un momento piacevole da dedicare a se stessi, possono essere utili per reidratarsi, soprattutto quando non si ha la buona abitudine di bere durante la giornata; e anche un valido aiuto all’organismo, che può beneficiare delle proprietà benefiche delle piante. 

Una pianta è una sostanza attiva, quindi deve essere utilizzata con precauzione e attenzione. Comunque, in nessun caso può essere considerata un sostituto di una medicina. Se hai un disturbo o una patologia, ti consiglio di rivolgerti ad un medico specialista.


Tisana, Decotto, Infuso e Macerato

Prima di parlare delle proprietà delle tisane, è importante saperle distinguere dai decotti e infusi: queste bevande vengono spesso accomunate, ma ci sono delle leggere differenze. C’è poi il macerato, un altro metodo che puoi usare per preparare le tue tisane, utilizzando acqua a temperatura ambiente invece che calda. 

  • – Le tisane vengono preparate utilizzando sia la parte legnosa che la parte tenera delle piante. Quindi sia le foglie e i fiori che la corteccia e le radici.
  • Gli Infusi: si preparano utilizzando solo la parte tenera della pianta, fiori e foglie.
  • Il Decotto: si prepara con le parti più dure, radici e cortecce per lo più, e si lascia riposare. Prima di passare al filtraggio dell’acqua, il composto di acqua ed erbe viene portato ad ebollizione, lasciato sobbollire per qualche minuto e poi mantenuto in infusione a fiamma spenta per circa 5 minuti.
  • – Il macerato si prepara versando acqua a temperatura ambiente sulle erbe scelte. Si lascia macerare per un periodo variabile da qualche ora fino a 30 giorni, in base all’erba che abbiamo usato, agitando ogni giorno il contenitore ben sigillato. Il liquido dovrà essere poi filtrato e conservato al buio e in un luogo fresco, dentro recipienti di vetro ben chiusi. Se il macerato è stato fatto con l’acqua va bevuto entro le 24 ore.

 

I benefici delle tisane sull’organismo

A seconda del nostro obiettivo possiamo scegliere tra le numerose tisane esistenti. Possiamo trovare le tisane:

  • Rilassanti: alla passiflora, per combattere le palpitazioni e l’ansia; alla verbena, perfetta per allontanare gli stati di angoscia; alla melissa, ideale contro i dolori e i disturbi gastrointestinali causati dallo stress; alla lavanda, per alleviare mal di testa e cattivo umore.
  • Drenanti: alla betulla, all’equiseto e alla gramigna, perfette per contrastare la ritenzione idrica e contrastare la cellulite.
  • Dimagranti: perfette per sgonfiarsi, sono chiamate “tisane brucia grassi”. Tra le più in voga le tisane alla menta, allo zenzero e limone, all’erba mate e all’ibisco.
  • Depurative: al ciliegio, all’ortica e al carciofo: stimolano la diuresi contribuendo all’eliminazione delle tossine e i liquidi in eccesso.
  • Contro l’insonnia: tra le tisane più conosciute e usate, quelle alla valeriana e alla camomilla, ma anche a l tiglio e al biancospino. Ricche di proprietà calmanti e distensive sono perfette in quelle notti in cui facciamo fatica ad addormentarci.
  • Contro l’influenza: quando si dice che “prevenire è meglio che curare” pensavano proprio a queste tisane; all’eucalipto, alla salvia e all’echinacea, ma anche alla malva e alla rosa canina. Queste tisane sono ricche di proprietà fluidificanti e antisettiche, supportano il sistema immunitario e rafforzano le nostre difese naturali.

Durante la stagione fredda è possibile bere le tisane in alternativa a tè e caffè. Ognuna di essa aiuterà in generale a riscaldare l’organismo dopo un colpo di freddo, scaldare l’apparato respiratorio favorendo lo scioglimento di muco e catarro, favorire la digestione ed infine, rilassare i muscoli e la mente.

Fai attenzione però che l’acqua non sia bollente. Dagli ultimi studi evidenziati si è scoperto infatti che le temperature sopra i 70° possono essere dannose per il nostro organismo quindi, prima di berla, consiglio di accertarsi che la tisana non sia troppo calda.

Inserisci un commento