Depurarsi dopo le feste: cosa mangiare?

La salute del corpo umano parte dal buon funzionamento dell’intestino. Dopo un periodo di eccessi alimentari come quello delle feste, depurare e disintossicare l’organismo diventa una necessità. 

Non occorre seguire diete drastiche “fai da te”, ma sposare uno stile nutrizionale sano, anche con l’aiuto di un esperto, se necessario. Un nutrizionista saprà infatti elaborare un regime alimentare in base alla condizione del paziente e agli obiettivi da raggiungere.

Gli alimenti che depurano l’organismo

La prima regola è bere molto: almeno 2 litri di acqua al giorno (anche tisane o tè verde). È meglio invece assumere con moderazione il caffè ed evitare bevande gassate e succhi confezionati.

Nell’alimentazione quotidiana occorre invece preferire una dieta ricca di fibre, vitamine e antiossidanti. Alcuni alimenti depurativi sono:

  • Frutta: soprattutto Mele (aiutano a combattere le infiammazioni intestinali), pere (depurano e favoriscono la regolarità dell’intestino), melagrana (elimina le tossine e depura il sangue), papaya (favorisce la digestione ed è ricca di antiossidanti)  e zucca (ricca di fibre svolge un’azione lassativa);
    Legumi: ricchi di fibre che aiutano nella pulizia dell’intestino;
  • Crucifere (come per esempio cavolfiore, cavolo, verza, cavolini di Bruxelles, broccoli, cime di rapa): ricche di vitamine e di composti fitochimici che disintossicano dalle tossine; 
  • Verdure a foglie verdi (come lattuga, sedano, spinaci cicoria e bieta): ricche di clorofilla, vitamine, minerali, aiutano inoltre a liberarci dai metalli pesanti, dagli inquinanti e dalle tossine.
  • Spezie ed erbe aromatiche (come ad esempio: origano, cannella, cumino, zenzero, finocchio, pepe nero, rosmarino e curcuma): favoriscono i processi di depurazione dell’organismo. 

Altre raccomandazioni alimentari per depurare l’intestino sono:
– Evitare fritture, salumi ricchi di grasso e carne rossa processata;
– Moderare i latticini;
– Prediligere alcuni metodi di cottura (come la cottura al vapore, per rendere i cibi più leggeri e facilmente assimilabili);
– Distribuire adeguatamente i pasti durante la giornata;
– Ridurre lo zucchero e il sale.

Uno stile di vita attivo

L’intestino è considerato come un secondo cervello per il nostro corpo, in quanto è il bersaglio principale di stress e tensioni. Per contribuire al benessere intestinale e favorire una “pulizia” dell’intestino, occorre adottare anche uno stile di vita dinamico e un’attività fisica settimanale costante nel tempo.

L’allenamento produce infatti effetti positivi sull’umore, oltre a migliorare la salute. Anche la camminata veloce è un ottimo rimedio. Per stare bene l’importante è trovare l’allenamento più adatto a te e saperlo combinare a un’alimentazione equilibrata.

Inserisci un commento