Lenticchie: un alimento ricco di benefici

Manca poco alla notte di San Silvestro, durante la quale è tradizione mangiare le lenticchie come buon auspicio per portare fortuna e ricchezza nell’anno nuovo. Dietro a questa usanza c’è però una spiegazione concreta.

Coltivate fin dall’antichità

Le lenticchie sono conosciute fin dall’antichità come “la carne dei poveri”. Gli antichi Romani le importavano dall’Egitto ma le prime tracce della loro coltivazione risalgono addirittura al 7.000 a.C. in Mesopotamia.

È proprio ai romani che si deve l’usanza di mangiarle il 31 dicembre: la particolare forma a lente delle lenticchie ricorda infatti quella di una moneta e secondo la leggenda, nell’antica Roma si usava regalare una “scarsella” (ovvero una borsa in cuoio contenente lenticchie) per augurare prosperità economica.

Grazie alle sue proprietà nutritive, la lenticchia era inoltre considerata una vera ricchezza per chi, senza soldi per comprare carne, durante il freddo inverno poteva assicurarsi una riserva di cibo proprio grazie alla scarsella.

Le proprietà delle lenticchie

Grazie ai numerosi principi nutritivi che le caratterizzano le lenticchie:

  • – Rappresentano una buona fonte di proteine e contengono un’alta percentuale di carboidrati
  • – Sono ricche di vitamine e di sali minerali, in particolare le vitamine A e del gruppo B – oltre che ferro e fosforo;
  • – Grazie all’alto quantitativo di minerali di cui sono composte, le lenticchie sono un alimento adatto in caso di affaticamento, denutrizione e anemia.
  • Combattono l’azione dannosa dei radicali liberi grazie alle proprietà antiossidanti dei flavonoidi;
  • – Presentano un basso indice glicemico riducendo il rischio di soffrire di patologie quali l’obesità o il diabete;
  • Aumentano il senso di sazietà e migliorano il transito intestinale grazie alle fibre contenute; inoltre riducono l’assorbimento di zuccheri semplici e di grassi e aiutano ad abbassare il livello di colesterolo;

Per tutti questi motivi, il consumo di lenticchie non dovrebbe limitarsi solamente alle festività di fine ed inizio anno ma dovrebbe estendersi fino a divenire una sana abitudine settimanale.

Controindicazioni

Così come per ogni legume, è bene non esagerare con la quantità di lenticchie consumata, soprattutto in caso di predisposizione a problemi intestinali (come la colite) che potrebbero peggiorare con il consumo di questo alimento. 

Da non dimenticare, infine, che le lenticchie vanno consumate sempre previa cottura poiché quando sono crude presentano al loro interno sostanze non digeribili (che vengono distrutte durante la cottura).

Inserisci un commento